22 marzo la “Giornata Mondiale dell’acqua”

Da trent’anni si celebra ogni 22 marzo la “Giornata Mondiale dell’acqua” (WWD), per ricordare l’importanza delle risorse idriche del pianeta, per contenere lo spreco e di assumere – conseguentemente – comportamenti adeguati.
Come è noto, questo tema ha delle fortissime attinenze con la Bibbia. Il tema dell’acqua abbraccia tutta l’esistenza umana ed è presente in tante parti del testo sacro. Sono circa 1500 i riferimenti biblici dell’acqua: essa porta in sé una notevole valenza simbolica legata alle origini della vita, alla presenza dell’uomo, alla sua esperienza di fede, con un’ampia gamma di significati. Il Creatore, nella Genesi, agisce attraverso il suo “Spirito” che “aleggiava” sulle acque primordiali; inoltre, in tante parti degli altri scritti biblici, troviamo l’acqua sia come segno di vita, sia come segno di morte, basti ricordare tutta la simbologia legata al battesimo cristiano.
Ad uno sguardo complessivo si può affermare che l’acqua nella Bibbia – oltre che ad essere un elemento fondamentale e costitutivo della struttura del mondo – esprime due aspetti principali: essa è categoria espressiva della vita e della storia del popolo ebraico e simbolo della vita nuova che accompagna la fede cristiana.
Don Celso Dosi
Consulente ecclesiastico provinciale ACLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *